Dedica

A te, lettore incauto,

ospite di queste pagine,

me stesso ed altro nello stesso tempo.

 

Con queste parole strappate al silenzio,

all’abituale, onesto silenzio,

io mi concedo (colpevole) a te.

Corda inquieta