Events

A few interesting thing will happen soon enough in the DH world (also check the calendar on the right):

THATCamp Games , a 3-days event starting Friday 19, has some very interesting session proposals. It looks like a very exciting, fun and interesting event (what else could you expect form a gaming event after all?). Too bad is in Cleveland, Ohio (not too far from Dublin, Ohio, where Dublin Core was invented. Still too far from Ireland though). But you can follow it on twitter @tcg2013

More reachable from Ireland, and probably equally interesting, is the Open Data on the Web Conference (and workshops) at the Google Campus in London. April 23-24. The hashtag for the event is #odw13

HASTAC 2013 The Storm of Progress. New Horizons, New Narratives, New Codes will take place at York University in Toronto 25-28 of April. Also very dense and rich program. Been in Toronto only a week ago. Wish I was still there. #hastac

If I was in Canada I could have gone also to Ottawa, at Carleton University, where the inteface2013. Creative and Critical Approaches to Digital Humanities will take place. Again, I will have to use twitter: #interface2013

 

Posted in Diario

A week in Florence

This will be my schedule for next week in Florence

10 December

Framing the Digital Curation Curriculum: a DigCurV Workshop

The workshop will inform the development of a Curriculum Framework for Digital Curation. Working within three key areas, we discuss the design of the curriculum from the perspective of the Executive, the Practitioner and the Manager. The workshop will feature high profile expert guest speakers from the field of digital curation, as well as the opportunity to provide feedback on the development of the Curriculum Framework.

11-12 December

Cultural Heritage online. Trusted Digital Repositories and Trusted Professional.

It is evident that Internet continues to have an impressive impact on cultural heritage and humanist communities by affecting the way they work, use, exchange and produce knowledge; new architectures and radically different paradigms arise continuously engendering a deep rethinking of traditional roles and tasks. Going digital does not mean buying some computers or designing a Web site, on the contrary it has to do with transforming the fundamental relationship that exists between the government and the single citizen, who is asked to preserve his memory in digital forms. The so called ‘dematerialization’ of all the knowledge and services is posing a challenge for the future of the information society that we must be prepared to face.

13-14 December

First Annual Conference of Computing in the Humanities and Digital Culture Association

L’attuale fase di sviluppo dell’Associazione Informatica Umanistica e Cultura digitale rappresenta un momento cruciale. Dopo i lavori dei pionieri e dei primi sperimentatori, in Italia esiste una comunità che condivide metodi, teorie e pratiche, collabora a livello internazionale e da circa un anno si identifica ed è rappresentata dall’Associazione Informatica Umanistica e Cultura Digitale. Lo scopo del primo Convegno dell’Associazione è quello di presentare l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale come elemento di sviluppo della ricerca nelle discipline umanistiche in Italia.

 

Posted in Diario Tagged with:

Be vulnerable, not weak

Brené Brown

Be vulnerable, not weak

Brown, who is also the author of The Gifts of Imperfection, wants to spread the message that vulnerability is a sign of courage, not weakness – and that empathy is the antidote to shame.

“Maybe stories are just data with a soul”

(from TED 2012: 10 innovations that could help shape a better world)

Posted in Diario

Digital VS physical archive management

Two videos I came across this morning makes kind of an interesting contrast: Neal Stimier, Reforming The Museum Through Social Media Inside the New York Times ‘Lively Morgue’   Sorry I was not able to embed the videos.

Posted in Diario

Facebook: The Novel(s)?

This week Le Monde des Livres, Friday literary supplement of the French newspaper Le Monde, published an article on Facebook as a potential storytelling device (Facebook, machine textuelle), trying to answer the question: “Facebook renews fiction and literary writing? What remains of the virtual, of the web in the printed novels?”. Apparently the opportunities for renewing the old art of storytelling are there: Read more ›

Posted in Diario, Letture, Trasferito Tagged with:

Be vulnerable, not weakIl potere della vulnerabilità

Brené Brown Be vulnerable, not weak  “Brown, who is also the author of The Gifts of Imperfection, wants to spread the message that vulnerability is a sign of courage, not weakness – and that empathy is the antidote to shame.” (from TED 2012: 10 innovations that could help shape a better world)

Posted in Diario

Imaginary Europes

 

The symposium entitled “Imaginary Europe” considers literature that constructs imaginary versions of Europe or individual European countries from afar. In the course of the C20th and C21st the idea of Europe has lodged in the imagination of authors across the globe, inspiring some and challenging others. Writers have produced new literary topographies that present Europe beyond the imagery handed down via missionary narratives, travel literature or European classics.

The examination of literary representations of Europe provides a field of study that remains under-explored and significant in its multiplicities of possible critical approaches. In recent criticism approaches have been made to explore the literary representation of migrant experience within Europe, such as Turkish-German, African-Dutch, Franco-Maghreb, Eastern European British, while little attention has been given to constructions of the various imaginary visions of what Europe may be from both within and without. […]

Call For Papers from Netherlands Research School for Literary Studies (OSL)

 

Posted in Diario

Cork at sunset (Forget Dublin)

While walking around in Cork tonight, I took some picture with my Ipad. Nothing to do with DH (apart from the fact that I used an Ipad, of course) but I thought I might share some. The full bunch of it is in my Flickr account.

 

South Mall, Cork, Ireland

 

Sullivan's Quay, Cork, Ireland

 

South Mall, Cork, Ireland

 

Sullivan's Quay, Cork, Ireland

Posted in Diario

Il ruolo dei giovani e delle donne nelle recenti rivolte arabe

Originariamente apparso su Voci Globali dove lo potete leggere a colori e con le immagini

I tentativi di interpretare, capire e spiegare le recenti rivolte in Medio Oriente sono sempre più numerosi, e un recente convegno a Roma dal titolo La speranza scende in piazza. L’Europa e le primavere arabe è uno tra questi.

La percentuale di giovani nei Paesi nordafricani e mediorientali rispetto a quelli europei è molto alta: in Marocco il 47,7% della popolazione ha meno di 25 anni, in Algeria il 47,5, in Tunisia il 42,2, in Libia il 47,4, in Egitto il 52,3, in Siria il 55,2 (in Germania tanto per fare un raffronto, la percentuale è del 24,8%, in Italia del 25,2). Questo pone la questione generazionale in primo piano, e non va trascurata nell’analisi dei recenti eventi. L’uso del termine speranza nel titolo del convegno probabilmente intendeva alludere anche a questo.

Anche le definizioni: facebook revolution o twitter revolution rientrano in fondo in questo tipo di discorso generazionale, anche se rimangono ad un livello superficiale. Tali definizioni sono state più volte contestate anche da chi si occupa da tempo di social media, come Amira Al Hussaini, coordinatrice di Global Voices Online per il Medio Oriente. Al Hussaini ha fatto notare che la rivoluzione è avvenuta in piazza, in strada e ha coinvolto persone e storie reali, non virtuali. Senza per questo sminuire il valore della Rete come strumento e come apertura di uno spazio di espressione nel contesto di regimi duramente repressivi.

Occorre allora domandarsi qual’è la capacità  di persistenza dei movimenti creati in Rete, cosa ne rimane una volta finita il momento puramente rivoluzionario?
La capacità  di invenzione costituzionale, di dare un volto istituzionale ai valori messi in campo, anzi in Rete, è, in questo senso, fondamentale. Tra i diritti per i quali ci si batte oggi va messo anche l’accesso alla Rete, non solo come competenza, capacità  e possibilità  tecnica ma anche come rimozione di ostacoli posti dal mercato o dal potere politico, secondo quanto dichiarato in un recente documento delle Nazioni Unite.

Il problema del passaggio dalla rivolta alla costruzione della democrazia estremamente delicato ed investe non solo il dibattito sulla Costituzione, ma anche il ruolo e la condizione della donna. Lilia Zaouli, intellettuale tunisina, ha in particolare ulteriormente approfondito la questione del rapporto delle donne con la storia ripercorrendo la propria storia, la propria convinzione – maturata nel corso della sua educazione scolastica – che fossero stati gli uomini gli artefici della liberazione e che lei, in quanto donna, doveva la sua libertà  dal colonialismo francese solo ed esclusivamente agli uomini. In realtà  durante gli studi ha potuto constatare quanto questa affermazione fosse falsa, incontrando molte figure femminili, in prevalenza aristocratiche egiziane, che fin dalla metà  dell’Ottocento si interessarono di politica e che pubblicamente appoggiarono le lotte delle donne occidentali per il suffragio universale, pur vivendo in una condizione di reclusione.

Parlando della situazione algerina, Cherifa Bouatta, psicologa impegnata nel sostegno alle vittime del terrorismo, ha ripercorso la storia dell’Algeria dal punto di vista femminile, partendo dalla situazione durante la guerra d’indipendenza in cui le giovani arabe si “occidentalizzavano” per fare da corrieri trasportando armi e bombe tra la Casbah e la città  europea, come si vede in una scena del film di Pontecorvo La Battaglia di Algeri. Anche in Algeria questa storia è stata rimossa dal regime nazionalista che si è imposto dopo l’indipendenza, a favore del paradigma del patriarcato con il quale sono state educate le generazioni successive fino alle rivolte del 1988, in seguito alle quali si è imposto il fondamentalismo islamico e l’ideale del musulmano puro, che oscurava ancor più il ruolo della donna.

Parlando poi dell’Egitto anche la blogger Manal Hassan, ha sottolineato il fatto che per capire veramente come sono andate le cose bisogna andare al di là  di blog e social network, e, per così dire, sporcarsi le mani con il mondo reale. Anche lei si è soffermata in particolare sul ruolo della donne in Tahrir Square, dove erano molto presenti, con ruoli diversi e su tutti i fronti: documentando, partecipando, aiutando come dottori e infermiere, ma questa non va considerata una novità . Negli ultimi 15-20 anni la presenza della donna è stata molto significativa in vari settori. Anche in quello dell’assistenza e cura alle vittime di tortura e varie forme di brutalità  da parte delle forze dell’ordine.

Da circa 15 anni esiste il Nadim Center for the Management and Rehabilitation of victims of violence una ONG egiziana diretta da due dottoresse che si occupa di riabilitazione ma anche di informazione ed educazione sui problemi della tortura, della violenza contro le donne e di altri questioni inerenti la democrazia e la libertà  nella società  egiziana. Il sito Torture in Egypt documenta i casi di tortura ed è anch’esso gestito da una donna. Ma ci sono molti altri casi, come per esempio il 9 March Group for Academic Independence, in cui la presenza femminile è molto forte. Lo stesso vale per Kifaya (the Egyptian movement for change ) fondato nel 2004 da 300 intellettuali egiziani in opposizione al regime di Mubarak.

Insomma, la storia del movimento femminile nel mondo arabo è molto varia e ricca e va ricordata. Ma è altrettanto importante, secondo Sihem Bensedrine, il ruolo della donna in quanto futura cittadina. La giornalista e attivista tunisina si è soffermata soprattutto sul futuro, le cose da fare, le sfide da affrontare e sul ruolo della donna nello spazio pubblico tunisino durante il processo di creazione della democrazia. La società  civile ha dato vita ad una coalizione di associazioni, tra cui quella delle donne, proponendo una sorta di roadmap – feuille de route -, incentrata su cinque cantieri considerati come prioritari sulla base dei dibattiti e delle esperienze di altre transizioni politiche (Russia, Perù, Polonia, Sudafrica): processo elettorale, media, giustizia, polizia, corruzione.

Posted in Diario Tagged with: , , ,

…è una storia lunga…

Ne parlava Margaret Atwood qualche giorno fa nella sua brillante presentazione al TOC. «Gli scrittori hanno bisogno di comprare il tempo per scrivere», diceva, oltre che comprare i sandwich al formaggio della slide che mostrava mentre divertiva la platea. [From Il costo del giornalista]

Giuseppe Granieri, esperto di giornalismo e di editoria digitale, discute il futuro della scrittura in un interessante post. La domanda che si pone riguarda il costo e le modalità  della scrittura online (che indubbiamente sarà una parte predominante della scrittura e della lettura delle generazioni future).

La scrittura digitale sta ancora cercando i suoi generi e le sue forme, e proprio per questo è interessante e importante seguirne gli sviluppi, e possibilmente orientarli da un punto di vista culturale e umanistico.

Granieri sostiene che i prodotti generalisti, come giornali e riviste, che funzionavano nella Galassia Gutenberg, non sono adatti alla Galassia Internet. In un giornale le informazioni inutili per il singolo lettore (ma utili per altri utenti) sono una quantità  gestibile, ma diventano ingestibili in un contesto di sovraccarico cognitivo come quello online. Per questo si parla di economia dell’attenzione. In rete è molto utile la competenza nelle materie in cui un particolare lettore è interessato, che permette di discriminare e separare le informazioni utili da quelle inutili, anche se magari attraenti a prima vista. Meglio affidarsi a un internet researcher professionista. Sono queste tipologie di persone e di mediatori che ti permettono di risparmiare ore e ore di tempo.

Tuttavia non tutto è oro quello che luccica. Anche se, trovando un equilibrio tra quantità  e qualità  (cosa non facile) si possono avere molte più informazioni rilevanti oggi di quante se ne potevano avere in passato, mi sembra che questo ponga due problemi che non vanno trascurati:

  • l’eccessiva specializzazione e focalizzazione delle informazioni rischia di far scomparire o diminuire sensibilmente le scoperte “casuali”, che, specie in campo letterario e umanistico, sono comunque interessanti. Il contesto in cui si situa l’informazione è spesso immaginato e costruito in maniera indiretta, utilizzando notizie “inutili” rispetto al problema che ci interessa. E il contesto generale è un elemento importante per capire il senso delle informazioni particolari.
  • il passaggio dalla stampa al digitale inevitabilmente modifica il modo in cui si organizzano e si costruiscono le società. Se è vero, come sostiene Benedict Anderson, che è stata proprio la stampa a far si che nascesse l’identità  e l’appartenenza nazionale, come si organizzeranno le identità  collettive nella galassia internet?

Riguardo al primo punto (“problema del contesto”), mi sembra allo stato dello cose abbastanza difficile da risolvere online, proprio perché definire e classificare le informazioni indirettamente collegate ad un problema o ad un fatto non è facile. Tanto per fare un esempio recente, uno potrebbe essere interessato a capire come è stato vissuto il recente terremoto dai giapponesi, come hanno reagito etc. Il silenzio, la compostezza e la calma dimostrata possono essere spiegate sulla base della cultura giapponese. A questo punto si pone il problema di quale livello di approfondimento si vuole avere per contestualizzare la compostezza dei giapponesi… si deve parlare del sistema educativo e scolastico? o forse del cinema e della letteratura? o magari del senso dello stato? insomma, l’analisi delle possibili influenze indirette sulla reazione dei giapponesi può portare più o meno lontano, e non sono sicuro che un algoritmo informatico posso essere efficace in questo senso (immagino che ciò sia legato all’Entscheidungsproblem -o problema della decidibilità ; ma in tedesco ci si prende più sul serio – da cui la struttura del calcolatore è nata: vedi macchina di Turing).

Ritornando a Granieri, l’altro elemento interessante che propone è la cosidetta long story, che potrebbe essere il genere vincente del giornalismo professionale sul web:

Diverso è invece se guardiamo al lavoro del giornalista, che segue un avvenimento di cronaca che ci interessa o uno scenario che ci appassiona, o ancora un tema approfondito. Io ad un giornalista che mi fa risparmiare tempo e mi dà valore aggiunto con le informazioni, mi abbonerei. Ad un giornale no, meno che mai sull’iPad o in qualche app che mi costringe a star là dentro.

E ci sono diversi segnali che mi fanno pensare che -prima o poi- qualcuno (singoli giornalisti o piccole organizzazioni per prime) comincerà  a sperimentare la formula. Uno di questi segnali è l’ebook, che permette di lavorare su un prodotto giornalistico che prima non esisteva (la long-story, ne parla anche Luca). Il secondo è questa piattaforma di Google, che potrebbe abilitare blogger e microeditori a spostarsi dal versante amatoriale a quello professionale.

Di google e del modo in cui gestisce l’informazione si è detto molto, anche se molto ancora di dovrà  dire. Mi colpisce invece, mi sembra sintomatico del fatto che già viviamo in un’epoca post-libro, il fatto che si definisca long story una storia lunga circa 70 pagine, come dice Luca De Biase, ossia una story che tradizionalmente si sarebbe definita short. Questo mi pare testimoni come il modo di rapportarsi al raccontare sia ormai del tutto diverso rispetto al passato, e forse -purtroppo- anche la capacità  di attenzione sia mutata.

Posted in Diario